Cinque finalisti per il Premio Bottari Lattes Grinzane

Stefania Bertola con ‘Ragazze mancine’ (Einaudi), gli americani Peter Cameron con ‘Il weekend’ (Adelphi) e Andrew Sean Greer con ‘Le vite impossibili’ di Greta Wells (Bompiani), il norvegese Kim Leine con ‘Il fiordo dell’eternità’ (Guanda) e Alessandro Mari con ‘Gli alberi hanno il tuo nome’ (Feltrinelli). Sono loro i cinque finalisti del Premio Bottari Lattes Grinzane per la sezione Il Germoglio, dedicata ai migliori titoli di narrativa italiana e straniera pubblicati nel 2013. Sabato 8 febbraio, al Castiglione Falletto (Cn), alla Cantina Terre del Barolo, una giuria tecnica ha annunciato i cinque romanzi selezionati.

La cerimonia di designazione è stata accompagnata dal reading musicale in omaggio a Beppe Fenoglio e dalla presentazione del cofanetto contente Barolo Docg 2009 e il romanzo ‘La malora’, ideato dalla Cantina Terre del Barolo e voluto dalla Fondazione Bottari Lattes per raccogliere i fondi necessari alla messa in sicurezza della Censa di Placido’, luogo fenogliano di San Benedetto Belbo (Cn), citato in diverse opere dello scrittore.

Ora saranno i ragazzi delle scuole a decidere il vincitore: saranno infatti le giurie scolastiche di 12 scuole (di cui una di Istanbul) a selezionare il romanzo prescelto, dando seguito alla finalità dell’originario Premio Grinzane Cavour che puntava a portare la letteratura contemporanea nelle scuole e a sviluppare le capacità critiche degli studenti. La proclamazione finale il 14 giugno 2014.

Il Premio Bottari Lattes Grinzane è organizzato dalla Fondazione Bottari Lattes e dall’Associazione Premio Bottari Lattes Grinzane, con il sostegno di: Regione Piemonte, Comune di Grinzane Cavour,Comune di Monforte d’Alba, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Banca d’Alba, Cantina Terre del Barolo, Enoteca Regionale Piemontese Cavour, Parco Culturale Piemonte Paesaggio Umano, Tu Langhe Roero.