Torino svela i suoi segreti il 9 e 10 giugno: due giorni speciali da non perdere

Si chiama Open House Torino e porta per la seconda volta nella nostra città nel fine settimana del
9 e 10 giugno un’idea nata a Londra nel 1992. Gli organizzatori sono un gruppo intraprendente di
architetti torinesi. Descrivono così il loro progetto:
“Open House Torino è un evento pubblico totalmente gratuito, pensato per permettere di visitare
residenze, palazzi, luoghi abitualmente non accessibili e scoprire così la ricchezza dell’architettura e
del paesaggio urbano. Per un fine settimana allʼanno darà la possibilità di visitare edifici storici,
moderni o contemporanei, eccellenze in città, uffici, spazi verdi o sociali, strutture recuperate.”

Dopo il successo della prima edizione nel 2017, Open House quest’anno cresce e si ingrandisce, e
permetterà a turisti e torinesi di accedere a 140 edifici di norma non accessibili al pubblico.

L’elenco dei luoghi è disponibile sul sito dell’evento ( openhousetorino.it ) e si presenta davvero
interessante. Spiccano tanti luoghi degni di essere visitati.
Come per esempio “Il 25 verde”, la prima “foresta abitabile d’Italia” dell’architetto Luciano Pia. Un
edificio unico e stupefacente, che si pone come obiettivo di essere un vero e proprio polmone
verde per i suoi abitanti e per la città tutta.
“The Number 6”, ovvero Palazzo Valperga Galleani , edificio barocco che dopo il restauro, nel 2015
si è aggiudicato il premio come “Building of the Year”. E’ considerata a tutt’oggi una delle case più
belle del mondo!
“La Nuvola Lavazza”, edificio progettato dall’architetto Cino Zucchi per i 120 anni dello storico
marchio. E poi ancora Casa Morrissey, Casa Madama (in Via Madama Cristina 73), il Villino Raby,
NH Collection Piazza Carlina.
In ultimo vogliamo citare Casa Hollywood, dal nome della storica sala da ballo con cinema e teatro
di cui ha preso il posto. Un edificio dalle forme originali, sintesi di tecnologia e bellezza, con una
vista mozzafiato sul centro città. Anch’essa su progetto di Luciano Pia, dell’edificio originario resta
soltanto il fondale scenico dell’ex teatro, è dotata di serre verdi bioclimatiche che contribuiscono
a renderlo un edificio quasi completamente ecosostenibile.
Furbatto Immobili ha gestito la vendita degli immobili di casa Hollywood, un motivo in più per
aderire a Open House…
Il nostro invito è a visitare più di uno di questi tesori nascosti e magari a condividere con noi le
vostre impressioni e le vostre idee. Saremo felici di pubblicarle!